9
10
ben
Pubblicato il: lun, mar 11th, 2013

Insegnare italiano in Australia

4

insegnare-italiano

Iniziare ad insegnare la propria lingua madre a studenti stranieri può essere un esigenza impellente per mettere da parte qualche soldo, una volta atterrati in Australia o un vero e proprio lavoro. Vediamo di cosa si tratta. 

La lingua e la cultura italiana sono diffusissime in tutto il mondo e l’Australia non fa di certo attenzione. Oltre all’Istituto di Cultura Italiana il territorio australiano e disseminato di scuole private e centri linguistici che sono spesso in cerca di personale italiano che insegni la nostra lingua.

Molti stranieri infatti sono portati ad avvicinarsi allo studio della lingua italiana per lavoro o per passione. Se volete farlo a tempo perso potete rendervi disponibili a lezioni di conversazione che possono essere retribuite o usate come merce di scambio per migliorare il vostro inglese. In questo caso non serve una preparazione particolare ma buone doti comunicative e intraprendenza.

Se invece volete farne una professione dovrete sicuramente fare qualche passo in più. Esistono in Italia diversi Master (alcuni disponibili anche per via telematica) che avvicinano all’insegnamento della lingua italiana a studenti stranieri. Essi vi permetteranno di ricevere una formazione specifica per l’insegnamento ad adulti e bambini di ogni livello. Questi Master sono erogati sia da istituti universitari pubblici e privati ma anche da istituzioni ed enti che si occupano proprio di insegnamento.

Oltre ai Master, per chi ha una laurea di settore (Lettere, Lingue, Scienze della Comunicazione, etc.) è possibile ottenere delle certificazioni. La certificazione più importante riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione Italiana e solitamente accettata anche in territorio straniero è la certificazione DITALS, rilasciata dall’Università per Stranieri di Siena. Questa certificazione prevede due diversi livelli e certifica la vostra competenza di insegnamento dell’italiano a studenti stranieri. Per ottenere la certificazione bisogna passare un esame che può essere sostenuto in diversi centri linguistici sparsi sul territorio nazionale. Spesso questi centri organizzano anche dei corsi di preparazione all’esame stesso.

Il problema dell’insegnamento dell’italiano presso istituti e scuole, soprattutto nel settore privato, è che i datori di lavoro sono liberi di richiedere i requisiti che più richiedono opportuni. Potrebbe non servire nessuna certificazione o laurea nel settore e bastare solo l’esperienza o al contrario vi potrebbe essere richiesta laurea e certificazione per candidare il vostro profilo.

Quello che è sicuro è che, come in ogni settore, è fondamentale l’esperienza. Fate più gavetta possibile prima di partire: questo non solo per ottenere colloqui e, possibilmente, un posto di lavoro ma anche per essere veramente in grado di saper svolgere il lavoro per cui vi candidate. Sapere l’italiano non vuol dire necessariamente saperlo insegnare a persone che non lo conoscono. Pensate a quanta fatica hanno fatto con noi i nostri insegnanti di lingua straniera e l’italiano a quanto pare è ancora più difficile da imparare.

Se siete completamente a digiuno di nozioni di linguistica e glottodidattica probabilmente il Master è la scelta giusta per voi. Se già avete delle nozioni in questo senso informatevi su qualche breve corso di preparazione all’esame DITALS e ottenete questa certificazione. Per accedere al II livello vi verranno richieste anche delle ore di tirocinioche vi permetteranno di confrontarvi sul campo direttamente con l’insegnamento e capire se questa è la strada giusta per voi.

Se siete già insegnanti con esperienza naturalmente sarete di gran lunga avvantaggiati. Cercate online i recapiti degli istituti di cultura italiana in Australia, delle Università Pubbliche e Private, degli Istituiti in cui è previsto l’insegnamento dell’italiano o delle scuole di lingua. Tenete sempre aggiornato il vostro CV e presentatevi personalmente. Trovare lavoro, specialmente nel settore culturale, non è facile ma nemmeno impossibile. Essere qualificati e competenti è il primo passo da compiere.

5

Autore dell'Articolo

- Qrea questo portale con lo scopo di raccogliere le informazioni creando un network di professionisti che si scambiano consigli e informazioni per lavorare in Australia. Per qualsiasi domanda e chiarimento ci vediamo nella nostra community.

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. vincenzo scrive:

    salve ho letto larticolo sull au pair e mi interessa molto,vorrei sapere come trovare questo lavoro,tramite agenzie in australia o ci sono proprio dei siti?

  2. Stefano scrive:

    Buonasera,
    sto meditando la fuga in Australia, dove vorrei andare ad insegnare, cosa che faccio qui da oltre 10 anni (ripetizioni a bambini e ragazzi, anche stranieri, di tutte le età).
    Premetto che questa mia attività non è, purtroppo, quella per cui ho studiato: sono laureato in Giurisprudenza, una laurea che, quando ho intrapreso il corso di studi, doveva aprire molte strade…e invece no, per niente!
    In particolare, vorrei andare ad insegnare italiano, quantomeno per cominciare. Vedendo un po’ quali sono le richieste in tal senso lì in Australia, confermate anche da alcuni parenti che vivono lì, ho visto che effettivamente c’è una buona domanda negli istituti privati, religiosi e non.
    Mi chiedo (e soprattutto vi chiedo): cosa posso fare qui in Italia prima di partire per migliorare le mie possibilità di trovare lavoro lì?
    Quanto pesa la certificazione DITALS e quanto l’esperienza pregressa, documentabile solo con referenze?
    Grazie anticipatamente

Commenta l'articolo

ATTENZIONE: i commenti non appaiono subito perchè devono essere approvati da un moderatore

8

Articoli più letti